martedì 19 settembre 2017

Sodio Ialuronato, Gel di Sodio Ialuronato e Acido Ialuronico: facciamo un po’ di chiarezza!!





sodio ialuronato, gel di sodio ialuronato, acido ialuronico, gel di acido ialuronico
Il sodio jaluronato  (INCI Sodium Hyaluronate) è uno degli ingredienti più apprezzati nell’ambito cosmetico. Tantissimi sono infatti  i prodotti che lo contengono in quanto  vanta proprietà altamente idratanti e anti-age.

Il sodio Jaluronato è una molecola idrofila fortemente igroscopica; ciò significa che una molecola di sodio Jaluronato può trattenere fino a 10000 molecole di acqua.
Esistono diversi tipi di sodio jaluronato a diversi pesi molecolari (alto, medio e basso peso molecolare), cioè la molecola può avere dimensioni diverse: tanto maggiore è il peso molecolare, tanto maggiore sarà la quantità di acqua coordinata e, di conseguenza, tanto più viscoso sarà il gel ottenuto.
L’unità di misura del peso molecolare viene espressa in Dalton (Da) o in Chilodalton (KDalton), ogni 1000 dalton corrispondono a 1 KDalton.
I diversi pesi molecolari intervengono a un differente livello dell’epidermide garantendo un cospicuo apporto di acqua, riducendo il fenomeno dell’evaporazione e favorendo la fisiologica produzione di collagene,  proteina indispensabile ai tessuti per mantenere il turgore e l’elasticità tipici della giovinezza.
Il sodio jaluronato ad alto peso molecolare resta sulla superficie cutanea e quindi non viene assorbito, ma la sua capacità di trattenere grandi quantità di acqua (funzione umettante)  dona alla pelle un’idratazione persistente e maggior turgore. Il gel che si ottiene utilizzando il sodio jaluronato ad alto peso molecolare è un gel molto denso; solitamente il sodio jaluronato ad alto peso molecolare è più comune rispetto a quello a basso peso molecolare.

Al contrario il sodio jaluronato a basso peso molecolare è in grado di  penetrare più in profondità  all’interno della pelle e di conseguenza svolgerà un’azione meno idratante ma dall’effetto anti-age più marcato poiché va  a riempire le rughe dall’interno. Il gel che si ottiene con il sodio jaluronato a basso peso molecolare sarà più liquido.

L’ideale sarebbe utilizzare in un prodotto cosmetico tutti e due i tipi per farli lavorare in sinergia ed ottenere un risultato di idratazione ottimale.
La capacità di trattenere tantissima acqua, definita  igroscopicità, lo rende infatti un eccellente idratante.
L’idratazione è fondamentale per la prevenzione ma anche per andare ad attenuare le rughe ed il sodio jaluronato è la sostanza funzionale idratante per eccellenza.

Propietà del sodio ialuronato:


  • Umettante: assorbe e conserva l’umidità, quella già presente nella pelle
  • Filmogeno: forma un sottilissimo strato sulla pelle proteggendola dalla eccessiva dispersione di acqua transdermica.
  • Idratante
  • Anti-age
  • Elasticizzante

Il sodio ialuronato si presenta come una polvere bianca, solubile in acqua (la velocità di
sodio ialuronato, acido ialuronico, gel di sodio ialuronato, proprietà cosmetiche acido ialuronico
solubilizzazione dipende dal peso molecolare, quelle ad alto peso molecolare si sciolgono più lentamente).

Può essere inserito in prodotti viso/corpo idratanti, prodotti antiage, prodotti per il contorno occhi e labbra, maschere, prodotti doposole, prodotti after-shave.

Negli spignatti può essere inserito come polvere in fase C fino al massimo 0,5% (max 0,2% nelle emulsioni , max 0,5% nelle maschere); per facilitare l’integrazione si può disperdere il sodio ialuronato nella glicerina prima di inserirlo in fase C.

In alternativa possiamo utilizzare il Gel di Sodio Ialuronato che prepariamo noi seguendo questa ricetta:
acqua depurata 98 g.
sodio ialuronato, gel di sodio ialuronato, come fare il gel di sodio ialuronato
polvere di sodio ialuronato 1 g.
conservante (cosgard) 0,6 g.
Pesiamo l’acqua in un recipiente e versiamo  sopra, a pioggia,  la polvere lasciando il tutto a riposo per 24 ore (non dovete mescolare!!). Vi consiglio di coprire il recipiente con una pellicola trasparente.
Quando il gel si sarà formato aggiungete il conservante,  mescolate bene in modo tale da rendere il gel liscio e omogeneo e infine  misurate il pH!
Travasate il tutto in un flacone preferibilmente Airless in modo tale da evitare il contatto del prodotto con aria e luce aumentandone la durata.

Il gel ottenuto può essere usato puro, direttamente sulla pelle, oppure può essere utilizzato come sostanza funzionale  in gel, tonici, creme (da inserire a freddo in fase C in percentuale che va dal 2 al 5%), o ancora può essere la base per creare un semplice siero.

Acido Ialuronico e Sodio Jaluronato sono la stessa cosa?
L’acido jaluronico (Hyaluronic Acid) e il sodio jaluronato (Sodium Hyaluronate) hanno caratteristiche chimiche simili ma sono differenti per natura e funzione.

Il Sodio Jaluronato è un sale non presente nel nostro organismo, deriva da una reazione chimica tra l’acido jaluronico e l’idrossido di sodio (quindi il sodio jaluronato è il sale sodico dell’acido jaluronico).

L’Acido Jaluronico è un acido, come dice la parola stessa,  ed è una componente naturale  normalmente presente nel  tessuto connettivo del nostro organismo,  in quanto prodotta da quest’ultimo attraverso i fibroblasti.

Dal punto di vista chimico l’acido jaluronico viene classificato come un glicosaminoglicano; la molecola è formata dal ripetersi di lunghe sequenze di due zuccheri semplici (l’acido glicuronico e la N-acetilglucosamina).
Queste sostanze sono entrambe cariche negativamente e quando si uniscono tra loro la forte repulsione dà origine ad una molecola lineare, flessibile ed estremamente polare.
La grande solubilità in ambiente acquoso è importante per garantire l’idratazione dei tessuti proteggendoli al tempo stesso da tensioni e sollecitazioni eccessive. Allo stesso tempo, l’elevata affinità con altre molecole di acido ialuronico e con gli altri componenti della matrice extracellulare consente la formazione di una fitta rete ad elevato peso molecolare.

La particolare struttura chimica conferisce all’acido ialuronico numerose proprietà che lo rendono utile sia in campo medico che estetico:
stimola la formazione di collagene e tessuto connettivo e protegge l’organismo da virus e batteri;
aumenta la plasticità dei tessuti  garantendo l’ottimale idratazione cutanea;
ha proprietà cicatriziali e antinfiammatorie

In campo cosmetico:
si utilizza l’acido ialuronico di origine biotecnologica da cui derivano tipi di acido ialuronico a diversi pesi molecolari; questo fa si che in funzione del peso si ottengono diverse funzioni: l’acido ialuronico a basso peso molecolare  (quello più costoso) favorisce la penetrazione intradermica garantendo una idratazione profonda; induce inoltre un aumento della permeabilità del tessuto connettivo che lo rende un importante fattore di penetrazione di principi attivi idrofili.
L’acido ialuronico è un componente fondamentale del derma; grazie alle sue proprietà conferisce alla pelle elasticità e morbidezza, rende la pelle resistente e tonica, idratante e nutriente, emolliente e lenitivo, riempitivo anti età, agevola la riparazione e la cicatrizzazione dei tessuti.

Nel corso del tempo la presenza di acido ialuronico nella pelle diminuisce per cui diminuisce anche la capacità di trattenere i liquidi e la pelle perde elasticità.

L’acido ialuronico, a differenza del sodio ialuronato, è un ingrediente abbastanza costoso.
Nella maggior parte dei cosmetici in commercio l’acido ialuronico viene inserito  nella sua forma di sale sodico dell’acido ialuronico; l’acido ialuronico nelle preparazioni cosmetiche viene tamponato con soda caustica in modo da fargli raggiungere un pH  neutro; per gli utilizzi cosmetici quindi l’acido ialuronico lo troviamo al 99% dei casi sempre come sodio ialuronato.

Nella lista degli ingredienti compare sempre il nome INCI di ogni specifico ingrediente per cui se è riportato “Hyaluronic acid” indica la presenza di acido ialuronico; se invece leggete “Sodium hyaluronate” vuol dire che nel prodotto avrete la presenza di sale sodico di acido ialuronico ovvero del sodio ialuronato.

Quindi l’acido ialuronico non è il sodio ialuronato e l’INCI dell’acido ialuronico non è Sodium Hyaluronate ma Hyaluronic Acid.
Non sono sinonimi!!!!
Considerati i costi altissimi dell’acido ialuronico e quelli più modesti del sodio ialuronato, fate un attenta valutazione della vostra crema e soprattutto…..valutate ciò che state acquistando leggendo bene l’INCI del prodotto!!

Spero di essere stata chiara nella esposizione!
Fatemi sapere se questo post vi è stato utile e se gradite altri pos di questo tipo. Ovviamente sono a disposizione per qualsiasi domanda, dubbio e/o chiarimento.

Bacioni, Myriam

1 commento:

  1. Buongiorno! Volevo cortesemente sapere come deve essere fatta la preparazione per il gel gengivale per retrazione gengivale e quale percentuale devo farla.
    Grazie!

    RispondiElimina